"Le attività umane sono sistemi ma noi ci concentriamo su istantanee di parti del sistema: poi ci domandiamo perché i nostri problemi non si risolvono mai."  P. Senge

THE BEER GAME in Umbria, il lato turistico della formazione: 3. dopo l’evento le mete turistiche classiche

Dal gioco in aula alla scoperta dell’Umbria: scopri cosa ti riserva il Beer Game, il corso di formazione che si svolge a Foligno il 28 ottobre e che ti consentirà di vivere un’esperienza formativa unica nel suo genere.

Non sarà un evento di formazione come tutti gli altri il Beer Game che si terrà sabato 28 ottobre 2017 a Foligno, organizzato da Neorema Sistemi in collaborazione con Lisa Bortolotti, consulente territoriale.

Dal gioco del Beer Game alla gita della domenica: un’occasione duplice per valorizzare ulteriormente l’investimento del tuo tempo.
Oggi ti proponiamo tre destinazioni classiche fra quelle raggiungibili comodamente il giorno dopo l’evento, la domenica, sia se ti rechi a nord, sia se ti rechi a sud.

Abbiamo deciso di tenere il Beer Game di sabato così da concedere il giusto tempo di relax ai partecipanti: avere la domenica libera significa potersi concedere, da soli o in compagnia, una giornata dedicata alla visita delle mete più conosciute e più classiche dell’Umbria; e, perché no, parlare un po’ di quanto scoperto il giorno prima

Vi daremo tre spunti ma ce ne sono moltissimi altri: le città selezionate sono a breve distanza da Foligno, l’ideale per chi volesse già intraprendere il viaggio di ritorno ma fermarsi lungo il percorso e prolungare l’esperienza di questo fine settimana.
Iniziamo?

La bella Perugia

Sembra che chi voglia visitare Perugia debba necessariamente portarsi le scarpe comode, per lunghe camminate.
Perugia non è pianeggiante e per conquistare la Piazza IV Novembre, quella con la famosa Fontana Maggiore per intenderci, dovrai sostenere un po’ di salita: fatica tutta meritata perché il centro della città ti offre, oltre alla fontana, la Cattedrale di San Lorenzo, il Palazzo dei Priori o i  Giardini Carducci da cui godere una panorama assolutamente strepitoso.
In ogni caso, se proprio non volete fare fatica, ricordate che Perugia offre un sistema di scale mobili, ascensori e monorotaie per accedere dai parcheggi esterni al centro storico
Una visita al Pozzo Etrusco è d’obbligo: forse sarà umido, copritevi perché a fine ottobre è già freschino.
Infine non dimenticatevi di fare scorte di cioccolato: sono certa ci stavate già pensando…

SCOPRI DI PIÙ SULL’EDIZIONE DI FOLIGNOISCRIVITI SUBITO

Assisi la spirituale

Dopo aver visitato la Basilica di San Francesco (ricordati che per entrare devi avere un abbigliamento consono ) e aver omaggiato la tomba del Santo con un occhio agli affreschi del Giotto, non tralasciare di goderti tutta la parte esterna.
Potrai intraprendere un percorso lungo nomi di vie e piazze in onore di San Francesco e visitare la Piazza del Comune (anche qui c’è una fontana spettacolare: poi raccontami se ancora si può assaporare un buon gelato in ottobre) con il Tempio di Minerva che spicca imponente.

Consigliano spassionatamente di fare il giro delle mura medievali (scarpe comode mi raccomando!) varcando una per una le sette relative porte di accesso con una tappa d’obbligo alla Rocca Maggiore.
Mi sembra un buon cammino, degno di un pellegrino, ma se avrai ancora tempo ed energie preparati a un profondo brivido mistico e recati all’Eremo delle Carceri: nessun altro posto al mondo può farti provare una sensazione simile.

Alla fine, scendendo da Assisi per riprendere il viaggio, non mancare di sostare alla Porziuncola, dentro la Basilica di Santa Maria degli Angeli, per essere avvolto dalla forza spirituale di questa “chiesa nella chiesa”, un’altra delle magie di questi luoghi

Spoleto la generosa

Nei miei ricordi di adolescente c’è ancora un posto speciale per Spoleto: provo a riportare a galla con te il perché questo luogo mi sia rimasto nel cuore.
In questa città si concentrano ricchezze architettoniche le più svariate, incorniciate da una natura generosa e che dà spettacolo: grandiosità umana e perfezione biologica, un mix irresistibile che, ne sono certa, ti consentirà splendidi scatti.
Sembra proprio che io voglia portarti lì, alla Rocca Albornoziana perché voglio che, dopo averla visitata, ti spinga sul Ponte delle Torri per mostrarti che le montagne russe sono niente rispetto a questa opera monumentale.
Direttamente dal Ponte delle Torri potrai dirigerti verso la città e intraprendere il classico percorso turistico alla scoperta dei monumenti di Spoleto: dall’Arco di Druso e Germanico alla Piazza del Duomo per terminare con un pranzo degno di un re.
E ricorda, come anche Perugia, Spoleto vanta un sistema di percorsi meccanizzati che porta dai parcheggi esterni a ogni angolo della città, una sorta di “metropolitana pedonale” con tanto di stazioni di interscambio.

Ecco qui, senza pretese, tre tappe decisamente classiche che avrai l’opportunità di visitare partecipando all’evento del Beer Game il 28 ottobre a Foligno.

Iscriviti al Beer Game e assicurati uno dei 30 posti disponibili per giocare al… gioco della birra!

SCOPRI DI PIÙ SULL’EDIZIONE DI FOLIGNOISCRIVITI SUBITO

Laureata in economia aziendale, blogger, consulente territoriale, systems thinker per passione e attitudine, mette le sue competenze al servizio delle imprese come consulente strategico e web coach.
Share This

Condividi

Fai conoscere questa pagina ai tuoi amici!